sullo sciopero del 11 dicembre

Enrico Calzolari Credo che molti siano i colleghi dubbiosi sul da farsi per lo sciopero dell’11 dicembre.Tanti che, per convinzioni maturate o semplice “istinto” politico-sindacale, ci pensano sopra, prima di aderire. Non hanno tutti i torti.…la credibilità generale della CGIL dipende dai suoi comportamenti e questi comportamenti variano tra quando al governo c’è Berlusconi e quando invece al governo ci … Continua a leggere

Lettera aperta alla Cgil sullo sciopero dell’11 dicembre

Per l’11 dicembre la Cgil ha proclamato sciopero nazionale di tutto il comparto pubblico. I Cobas hanno proclamato uno sciopero generale lo scorso 23 ottobre, uno sciopero a cui hanno partecipato anche tanti lavoratori di area Cgil, ma non la Cgil come sindacato, che ha ritenuto inutile questa scadenza, preferendole riunioni con quella specie di “sindacati” che sono Cisl e … Continua a leggere

Sciopero contro sciopero

Sciopero contro questo sciopero! Questo si è completamente fuso anche quel poco del cervello che ancora funzionava, ha pensato la mia collega quando questa mattina le ho detto che, per protestare contro la CGIL, sarei venuto a scuola l’11 dicembre. Ma come, proprio tu che l’anno scorso partecipavi anche agli scioperi dei postelegrafonici armeni pur di fare casino adesso non … Continua a leggere

PER ALEXIS

Scrivo a distanza di un anno. Non di un anno da un assassinio da parte di uno sbirro di merda, di un mezz’uomo armato, di un’entità addetta alla repressione: scrivo esattamente in capo a un anno da quando Alexis Grigoropoulos era ancora vivo, e viveva inconsapevole uno degli ultimi due giorni della sua brevissima vita. E non è neanche una … Continua a leggere

IL GUERRIERO PACIFICO E I SERVI ITALIANI

Tutti insieme appassionatamente in Afghanistan Non sappiamo come l’abbiano presa i cervelloni di Stoccolma, che qualche settimana fa ebbero l’ardire di regalare il Nobel per la pace ad Obama, la notizia che il novello “guerriero pacifico” (sulle orme della dalemiana “guerra umanitaria”) invierà altri 30 mila soldati nell’inferno afgano ad ammazzare e ad essere ammazzati. Immaginiamo però cosa ne debbano … Continua a leggere