SCIOPERIAMO LA SCUOLA

COBAS SCUOLA MILANO                                                          Partecipiamo tutti allo sciopero generale di venerdì 28 I lavoratori della scuola hanno mille motivi per ributtare indietro almeno parte del fango che ci è piovuto addosso con i tagli, la precarizzazione e l’immiserimento degli ultimi 20 anni. La rabbia è forte così come la voglia di attraversare fisicamente ed affettivamente tutte le varie umanità studentesche, operaie, … Continua a leggere

VERSO LO SCIOPERO GENERALE DEL 28 GENNAIO

GRANDE PROVA DI RESISTENZA OPERAIA ALLA FIAT Il risultato del referendum-capestro alla Fiat Mirafiori, costituisce un grande esempio di resistenza e di forza operaia e deve tradursi in uno stimolo per tutti i salariati e i settori popolari per una rivolta di grandi dimensioni contro l’arroganza padronale e governativa, a partire dallo sciopero dei metalmeccanici convocato per il 28 gennaio … Continua a leggere

A PROPOSITO DI MERITOCRAZIA

L’esorcismo meritocratico di Emanuele Rainone Che le parole abbiano un significato è cosa alquanto dubbia, ma se ne può discutere: all’infinito. Che le parole siano suoni che vengono emessi dagli esseri umani e usati in un certo modo per fare od ottenere qualcosa è cosa che può darsi per pacifica. Per parlare della parola ‘meritocrazia’ forse è utile partire proprio … Continua a leggere

A proposito del 14 dicembre

   I COBAS, così come tutte le altre forze significative del sindacalismo di base e conflittuale, non ritenevano che dallo scontro interno al ceto politico-parlamentare di centrodestra, messo in scena in Parlamento martedi 14, nella totale afasia di contenuti alternativi al berlusconismo da parte della “sinistra” politico-istituzionale, potesse uscire alcunchè di positivo per il conflitto e per una prospettiva di … Continua a leggere

PER ALEXIS

Scrivo a distanza di un anno. Non di un anno da un assassinio da parte di uno sbirro di merda, di un mezz’uomo armato, di un’entità addetta alla repressione: scrivo esattamente in capo a un anno da quando Alexis Grigoropoulos era ancora vivo, e viveva inconsapevole uno degli ultimi due giorni della sua brevissima vita. E non è neanche una … Continua a leggere

IL GUERRIERO PACIFICO E I SERVI ITALIANI

Tutti insieme appassionatamente in Afghanistan Non sappiamo come l’abbiano presa i cervelloni di Stoccolma, che qualche settimana fa ebbero l’ardire di regalare il Nobel per la pace ad Obama, la notizia che il novello “guerriero pacifico” (sulle orme della dalemiana “guerra umanitaria”) invierà altri 30 mila soldati nell’inferno afgano ad ammazzare e ad essere ammazzati. Immaginiamo però cosa ne debbano … Continua a leggere

Crocifisso sì, crocifisso no: è la scuola che è in croce!

Il putiferio mediatico di questi giorni legato alla sentenza della Corte Europea sull’esposizione del crocifisso non ci  sorprende. Ci avvilisce. Il tripudio di dichiarazioni, di articoli di giornale e di commenti televisivi  dimostra ancora una volta, semmai ce ne fosse bisogno, l’inettitudine  e l’ipocrisia di buona parte del mondo politico e dell’informazione: ci riferiamo alle dichiarazioni sdegnate dei politici che … Continua a leggere